Tutti gli articoli di Protezione Civile

18/12/2012 – CRI attiva a Cuneo un centro di accoglienza per senza fissa dimora

 La Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Cuneo ha attivato, a partire da martedì 18 dicembre 2012, un centro di accoglienza per senza fissa dimora in via Santa Croce, 3 a Cuneo. La struttura sarà aperta per tutto l’inverno, tutti i giorni dalle 22:00 alle 7:00.

Nello stesso periodo ripartirà inoltre il servizio di unità di strada per le vie della città per portare aiuto alle persone marginalizzate che per qualunque motivo si trovano di notte in strada.

La Croce Rossa ha messo a disposizione il numero 0171 605705 per segnalare 24 ore su 24 l’eventuale presenza di senza fissa dimora.

10/12/2012 – Comitato provinciale di Protezione civile: il bilancio dell’attività del 2012

La riunione annuale del Comitato provinciale di Protezione civile si è svolta in Provincia lunedì 10 dicembre per fare il bilancio dell’attività del 2012. All’organo consultivo e propositivo che supporta l’autorità provinciale di Protezione civile hanno preso parte, oltre a Provincia e Prefettura, Vigili del Fuoco, Regione Piemonte, Arpa, Comuni sede di Com, Comunità Montane, Croce Rossa e Coordinamento provinciale dei volontari.

Comitato protezione civile
Comitato protezione civile

 Era presente la presidente della Provincia Gianna Gancia che ha ringraziato tutte le componenti istituzionali e operative: “Grazie a voi è possibile una sinergia di azione e professionalità sempre assicurata nella Granda, condizione indispensabile per un’efficace risposta ai rischi cui è soggetto il territorio”. la presidente Gancia ha anche posto l’accento sulle restrizione derivanti dal patto di stabilità, auspicando che non vadano ad incidere sulla sicurezza dei cittadini, e ribadito l’impegno della Provincia sulla specifica materia.

L’assessore alla Protezione civile, Stefano Isaia, ha poi affrontato i vari temi all’ordine del giorno, in particolare le novità legislative in materia di protezione civile attraverso le quali l’operatività è stata ricondotta al nucleo originario di competenze (previsione e prevenzione dei rischi, soccorso e superamento dell’emergenza), riviste le modalità di dichiarazione dello stato di emergenza, date nuove indicazioni e vincoli relativi all’aspetto finanziario.

“È innegabile – ha detto Isaia – che i tagli alle risorse finanziarie comportino, anche nella nostra Provincia, una minore capacità operativa a tutti i livelli e che i limitati investimenti rendano le infrastrutture ed il territorio più vulnerabile, ma è anche vero che gli interventi realizzati dai Comuni e dalle Province per la dichiarazione dello stato di emergenza saranno esclusi dall’obbligo di rispetto del patto di stabilità interno”.

L’assessore ha poi parlato del progetto della Regione Piemonte di avviare, a breve, l’organizzazione dei presidi idraulici ed idrogeologici che porteranno alla definizione di un sistema di osservazione e di monitoraggio delle piene e dei movimenti franosi. Uno specifico approfondimento è stato anche dedicato al nuovo regolamento regionale del volontariato di protezione civile. La Prefettura di Cuneo ha illustrato le pianificazioni di settore recentemente approvate, soprattutto in riferimento alle industrie a rischio di incidente rilevante e ha posto l’attenzione sul tema della ricerca di persone scomparse. Su questo ultimo argomento sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco ed il Coordinamento provinciale dei volontari. I Comuni hanno condiviso le prime esperienze applicative del nuovo regolamento regionale, soprattutto in riferimento all’impiego in occasione di eventi a rilevante impatto locale.

 Ad oggi in provincia di Cuneo ci sono 201 Comuni dotati di piano di emergenza comunale o intercomunale, dei rimanenti 49 gran parte è in fase di aggiornamento o approvazione, soltanto 16 risultano sprovvisti o non hanno fornito alcuna informazione. Nel 2010 è stato approvato il piano integrato di protezione civile (contenente le prescrizioni del programma provinciale di previsione e prevenzione e del piano di emergenza provinciale) che consolida la sinergia tra le diverse istituzioni e forze operative a vario titolo competenti in materia e garantisce l’attivazione H24 dell’Unità di Crisi quale luogo di coordinamento unitario.

10/12/2012 – S.S. 21: riapertura Colle Maddalena

Si comunica che l’ANAS con Ordinanza n.144  del 10/12/2012 ha disposto la riapertura al transito del tratto di Strada Statale n.21 “del Colle della Maddalena” compreso tra il Km.55+000, località Argentera, e il km.59+708, Confine di Stato, con decorrenza immediata.

Analogo provvedimento di riapertura è stato assunto dal gestore transalpino sulla prosecuzione della strada in territorio francese.

29/11/2012 – Nuove disposizioni inerenti la circolazione stradale durante il periodo invernale

La Provincia di Cuneo, con ordinanza n. 758 in data 29/11/2012, ha adottato un nuovo provvedimento unico relativo alla regolamentazione della circolazione stradale durante il periodo invernale.

 L’ordinanza prevede che, in caso di precipitazioni a carattere nevoso o in condizioni di fondo stradale sdrucciolevole, è fatto obbligo di circolare su tutti i tratti di strada di competenza della Provincia di Cuneo con veicoli muniti di pneumatici invernali o dotati dei necessari mezzi antisdrucciolevoli idonei alla marcia su neve o ghiaccio ed adeguati al tipo di veicolo in uso.

Scarica: Ordinanza n. 758/2012